In vista delle elezioni per individuare il nuovo Presidente della Provincia di Brescia che si terranno il prossimo 31 ottobre (e che, come prevede la normativa vigente, interesseranno i sindaci e i consiglieri di tutti i 205 comuni bresciani), si sono riuniti i rappresentanti della lista Comunità e Territorio (civica e di centro sinistra, tra cui la Rete Civica Bresciana), che nelle elezioni per il Consiglio Provinciale del gennaio 2017 ottenne 8 consiglieri su 16 confermandosi di gran lunga la lista più votata.

L’incontro è stata l’occasione per condividere un giudizio positivo sul lavoro svolto in questi anni dalla nuova Provincia (divenuta ente di secondo livello), “Casa dei Comuni”.

Da qui si è deciso di ripartire. Se le Province non sono più luoghi di confronto politico, ma “Case dei Comuni”, noi crediamo che le appartenenze di partito o di coalizione debbano fare un passo indietro per far posto alle istanze dei comuni bresciani. Per questo,  avvieremo contatti con tutte le liste che si sono confrontate nelle elezioni del 2017, al di là degli orientamenti, per verificare se esiste appunto la volontà di guardare all’interesse dei territori prima che a quello dei colori politici.

La Rete Civica Bresciana con altri amici fa parte della Rete Civica della Lombarda (Per info: retecivicalombardia@gmail.com)