Archivio del sito www.michelebusi.it.

Qui puoi trovare articoli, immagini e la rassegna stampa pubblicati prima del 2017. Tutti i nuovi contenuti li trovi sul sito attuale www.michelebusi.it.

Un Bilancio senza visione

consiglioCon 47 voti favorevoli e 26 contrari è stato dato via libera da parte del Consiglio regionale alla manovra finanziaria regionale (legge di Stabilità, Bilancio di previsione 2017 e pluriennale 2017/2019). Il Bilancio di Previsione di Regione Lombardia è fissato in 26 miliardi di euro, di cui 18 miliardi e 309,9 milioni sono destinati al servizio sanitario regionale. 
Ecco il mio commento: "A fronte di un esito referendario che riattribuisce alle Regioni un ruolo centrale nel sistema istituzionale, questo bilancio è ben lontano dal rilanciare l’azione di Palazzo Lombardia con proposte e contenuti. Non c’è visione, né l’idea di intervenire sulle criticità attuali.Certo rivendichiamo come un nostro risultato importante il finanziamento assegnato alla legge in tema di diritto al cibo, che abbiamo chiesto con un emendamento. Ora su quel capitolo sono stati spostati 200mila euro che potranno essere utilizzati per contrastare gli sprechi alimentari e sostenere le situazioni di povertà estrema che troppo spesso coinvolgono purtroppo anche minori.
Per il resto la manovra è del tutto insufficiente. Si insiste, stanziando risorse considerevoli, su un referendum per l’autonomia privo di senso, con una richiesta di maggiori competenze che non passa da una seria analisi su quanto oggi questa giunta stia facendo. Intanto le difficoltà di applicazione della riforma sanitaria sembrano ben maggiori dei presunti benefici e molte tensioni territoriali, per esempio quelle sui punti nascita, ci dicono che il sistema non sta trovando uno sviluppo organico. Il percorso sulla ridefinizione degli enti intermedi e delle aree vaste è fermo. Il trasporto pubblico locale, quello che serve le province, i paesi, le scuole, ancora una volta sconta una scarsa attenzione e la mancanza di una programmazione nel tempo. Tutti questi elementi contribuiscono a farci dire che il bilancio 2017 non funziona.
In questo quadro abbiamo strappato alcuni impegni: l’utilizzo per la prevenzione degli introiti derivanti dalle sanzioni alle aziende in materia di sicurezza e salute sul lavoro; un piano di risanamento degli alloggi Aler basato sulle ristrutturazioni e assegnazioni degli alloggi sfitti; un rilancio dell’attività di promozione dei siti Unesco lombardi, predisponendo azioni nelle lingue dei paesi emergenti extraeuropei; 15 milioni di euro per rifinanziare il bando ‘Intraprendo’ a favore delle start up”.

 

Free business joomla templates